Genova in Bocca
Genova in Bocca                                        Ricette tradizionali della cucina genovese e molto altro


 indietro                                                                                                   home page



                        Cima alla genovese

cima alla genovese1
 Foto 1

cima alla genovese
 Foto 3

cima alla genovese
 Foto 5

cima alla genovese
 Foto 7

cima alla genovese
 Foto 9

 

Ingredienti per 6 persone:

600 gr. carne (pancia di vitello)

50 gr. grana padano

1 carota di circa 100 gr.  (Vd. sotto "mangia che ti fa bene")

100 gr. piselli

5 uova intere

20 gr. pinoli

1 pezzo da 100 gr. prosciutto cotto

10 gr. lattuga

8 gr. sale fino

 

Per il brodo:

1 carota, 1cipolla, 1 gamba di sedano, 1 dado vegetale, sale q.b.

 

Preparazione

 

Cucire con spago  da cucina e ago da materassi la carne a mò di tasca lasciando una piccola apertura nella parte superiore per  inserire all'interno il ripieno.

Mettere al fuoco una pentola d’acqua e aggiungere: sedano, carota, cipolla e dado vegetale e portare ad ebollizione.

Bollire la carota lasciandola al dente e tagliarla a rondelle sottili.

Tagliare il prosciutto  cotto a dadini.

Tagliare la lattuga a listarelle.

Prendere una ciottola , sbattere le uova e incorporare il formaggio, la carota, la lattuga, i pinoli,i piselli, il prosciutto cotto e il sale.

Con un cucchiaio prendere il ripieno ottenuto e introdurlo nella sacca  che deve essere riempita per ¾ dello spazio.

Cucire l’ultimo tratto rimasto aperto e immergere la cima piano, piano nel brodo bollente.

Continuare a cuocere a fuoco lento per circa 1 ora e ½ e  la fine della cottura  si otterrà quando pungendo la carne con uno stecchino non uscirà più alcun liquido.

A questo punto, togliere la cima dal fuoco e metterla per 12 ore in “careghea” cioè sotto un peso in modo che esca il liquido superfluo.

Prima di presentarla in tavola tagliarla a fette.

-  

Mangia, che ti fa bene!

 

La carota era conosciuta  e coltivata in Europa già dal periodo avanti Cristo  per scopi curativi; veniva considerata  utile ad allungare la vita.

 E' un ortaggio ricco di vitamina A, poco calorico, senza grassi, grande equilibratore della flora intestinale, tonifica il fegato e promuove lo sviluppo delle ghiandole mammarie stimolando la formazione di latte materno. Inoltre l’alfa carotene di cui è composta abbassa il colesterolo.

Ricca di Sali minerali previene malattie della pelle e degli occhi.

 

-

cima alla genovese
 Foto 10
  cima alla genovese
Foto 11                                                      

cima alla genovese2
Foto 2                                                                    


cima alla genovese
Foto 4                                                                   

cima alla genovese
Foto 6                                                                   

cima alla genovese
Foto 8                                                                    

cima alla genovese
Foto 12                                                                  
 
  
  indietro                                                     home page